RADIO3SCIENZA del 08/08/2017 – Storia di un informatico
» » » RADIO3SCIENZA del 08/08/2017 – Storia di un informatico

RADIO3SCIENZA del 08/08/2017 – Storia di un informatico

pubblicato in: Blog | 0

Bassel Khartabil, protagonista del mondo open source, morto nelle prigioni siriane.

 

«Non posso scriverti una poesia per il giorno di San Valentino, dovrei vederti, avrei bisogno di rubare le parole dai tuoi occhi. Ma posso solo immaginarli i tuoi occhi, ora…Ora sto pensando alla Siria, mio adorato Bassel, e fa male. Ogni volta che pronuncio il suo nome, io piango, per tutto l’amore che ho. Caro Bassel tu sei la mia metà e io vivo in te, tu sei la mia metà palestinese, mi manca tutto, mi manchi tu, la Siria e la Palestina che ci sono in te».

Sono le parole che Noura Ghazi Safadi, avvocatessa siriana, ha scritto al marito Bassel Safadi, per la festa degli innamorati due anni fa.

Nato e cresciuto in Siria, Bassel Khartabil si è specializzato nello sviluppo di software open source. È stato chief technology officer (CTO) e cofondatore della società di ricerca collaborativa Aiki Lab ed è stato CTO di Al-Aous, un istituto di ricerca ed editoria nel campo della arti e dell’archeologia in Siria. Ha lavorato come primo progettista e affiliato di Creative Commons Siria, contribuendo a Mozilla Firefox, Wikipedia, Open Clip Art Library, Fabricatorz e Sharism.

Tra i suoi lavori vi è la ricostruzione realistica con immagini 3D dell’antica città di Palmira, la visualizzazione in tempo reale, e lo sviluppo, con Fabricatorz, della piattaforma di programmazione Aiki Framework. Dal suo lavoro su Palmira è stato sviluppato #newpalmyra, un progetto di rendering tridimensionale delle colonne della città distrutta.

Fonti vicine agli attivisti hanno rivelato che Khartabil è stato arrestato il 15 marzo 2012, nel corso di una retata nel distretto Mezzeh di Damasco, proprio nel giorno in cui ricorreva il primo anniversario della rivolta siriana, durante il quale manifestanti pro e contro il governo manifestavano nella capitale e in altri luoghi del paese. Gli organizzatori della campagna #FREEBASSEL affermano che l’uomo è recluso nella capitale, nel braccio di sicurezza del quartiere Kfar Sousa. Quando, nel mese di luglio 2012, la notizia della sua detenzione ha iniziato a diffondersi, è stata lanciata una campagna globale per chiederne l’immediata liberazione.

La detenzione ha, tra le altre cose, ha impedito l’imminente matrimonio con l’avvocatessa siriana Noura Ghazi, la cui celebrazione era prevista per il mese di aprile 2012.

Khartabil è stato inserito al 19º posto della lista dei Top Global Thinkers per l’anno 2012 (insieme a Rima Dali, volontaria della Mezzaluna Rossa araba, e davanti al presidente della Banca centrale europea Mario Draghi), stilata dalla rivista Foreign Policy, per la sua “ostinazione, contro ogni evidenza, per una rivoluzione siriana con mezzi pacifici”.

Dopo l’arresto nel 2012, era dato per disperso dal 2015, quando era avvenuto il suo trasferimento dalla prigione di Adra a un luogo di detenzione sconosciuto. Secondo l’annuncio divulgato nel 2017 dalla fidanzata Noura Ghazi, Bassel Khartabil sarebbe stato sottoposto a torture da parte dei servizi segreti e poi giustiziato pochi giorni dopo il trasferimento.

fonte Wikipedia

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]
Ti piace? Prenditi un secondo per supportare ItaliaBlog su Patreon!

Vuoi sapere tutto sui Podcast, come trovarli, come ascoltarli dai tuoi dispositivi e tanto altro?

E' in arrivo il primo E-Book sul mondo dei Podcast in Italia. 

You have Successfully Subscribed!

Iscriviti GRATIS e ricevi video, PDF, accesso al gruppo chiuso e contenuti premium via email.

Invio comunicazioni solo in presenza di novità o materiale inedito, niente Pubblicità o Spam.

You have Successfully Subscribed!

Lascia una risposta